Esercitazione n.2

Provate a rispondere argomentando sulla scelta fatta

Test interattivo

Risposte del test

Commenti alle risposte del test

Nella tabella e nel grafico sono riportati i dati giornalieri del Ministero della Salute dei contagiati in Italia dal Covid-19 nel periodo 1/3/2020- 23/3/2020 . Nella terza colonna sono  calcolate con il rapporto incrementale, rispettivamente la variazione giornaliera e la variazione della variazione giornaliera. Come interpretiamo questi dati? Cosa ci aspettiamo? Cosa ci auguriamo? Scaricate il foglio elettronico (Excel) e aggiornatelo con i dati dei prossimi giorni.

Contagiati-Italia-Covid19 Google Drive

17 commenti:

  1. Cristina: De Magistris

    Ho fatto il test interattivo dell’esercitazione 2, l’ho trovato molto interessante sia perché alla fine ti fornisce la risposta esatta, a differenza del test classico, inoltre creare una sorta di competizione risulta essere stimolante. Grazie per il lavoro che fate, nonostante questa didattica a distanza.

  2. Natasha: De Rinaldi

    Ho provato più volte a svolgere il test interattivo e devo essere sincera inizialmente avevo l’ansia mossa un po’ dalla musichetta di sottofondo, un po’ per il poco tempo che non mi permetteva di concentrarmi a pieno. La ripetizione del test mi ha permesso di soffermarmi laddove prima non ero riuscita a pieno e di comprendere quali erano i punti nodali delle mie difficoltà. In conclusione l’ho trovato abbastanza formativo per quanto mi riguarda.

  3. Lucia: Ranucci

    Vorrei lasciare un mio commento sul grafico contagiati Covid-19.
    Osservando i dati della terza colonna (C) si può affermare che il picco di nuovi contagiati si è avuto il 21 Marzo con il numero massimo di contagiati in più in assoluto.
    Osservando i dati della quarta colonna (D) si può dire che, in generale, l’incremento dei nuovi contagiati nei giorni non è stato mai costante ma ha subito crescite e decrescite.
    A partire dal 22 Marzo si è registrato un calo di nuovi contagiati, una diminuzione che continua tutt’oggi. Ciò ci fa sperare che, a lungo andare, il numero di nuovi contagiati diventi pari a zero e che si blocchi la crescita dei contagiati totali. Graficamente si può già notare che la curva non è più “in picchiata” verso l’alto ma si inizia ad “ammorbidire”. Un arresto della crescita dei contagiati totali significherebbe sperare che la curva possa “diventare” una linea retta parallela all’asse dell x.

  4. MARTINA: MELE

    Anche io vorrei lasciare un commento sul grafico contagiati Covid-19.
    Io ho provato ad immaginare che la prima colonna (A) rappresenti il tempo e che la seconda (B) rappresenti lo spazio. Quindi, per me, il grafico potrebbe rappresentare la velocità di contagio del virus.
    Osservandolo però non riesco ad individuare “immediatamente” i giorni in cui c’è stato un maggiore o minore numero di nuovi contagiati (posso al massimo notare che in alcuni intervalli di tempo la curva diventa più o meno pendente).
    Ho provato così a creare un grafico in Excel selezionando la colonna del tempo (A) e quella della variazione giornaliera di contagiati (C). Ho ottenuto così un grafico che ho considerato una sorta di grafico dell’accelerazione del contagio. In questo modo ho potuto notare in maniera immediata, ad esempio, un picco di nuovi contagiati tra il giorno 18 e 19 aprile.

  5. Per quanto riguarda l’esercitazione 2, fatta tramite “Kahoot!” ci tenevo a portare la mia esperienza, ho avuto la possibilità di usare tale piattaforma creando dei quiz di storia e proponendoli a dei bambini di V elementare, e anche in quel caso subito c’è stato un riscontro positivo, erano molto motivati e anche un po competitivi tra di loro, ma era una competizione sana che spesso li portava a ragionare insieme sulle risposte date in modo errato. Pertanto credo che tale metodologia sia molto efficiente e stimolante per permettere ai bambini di consolidare o mettere in discussione le loro conoscenze, inoltre possono esercitarsi giocando anche da casa tramite PC, tablet o cellulare, e sfidare i propri compagni.
    Per quanto riguarda, invece, la tabella e il grafico inerente ai dati sul Covid-19, vediamo che a partire dal 22 del corrente mese il numero di contagi risulta essere in lieve calo, e ciò porta speranze positive per gli italiani, ma siccome il picco di contagi lo abbiamo avuto pochi giorni fa, ovvero il 21 Marzo, non bisogna sottovalutare la possibilità di un aumento di decessi nei giorni futuri. L’unica cosa che posso augurarmi in questo momento è che ci sia una ripresa del sistema sanitario e un blocco, anche se parziale, di nuovi contagi.

  6. Le esercitazioni proposte sono state molto utili, sia per avere alcuni chiarimenti si per intraprendere un nuovo modo di fare per me e per i futuri alunni che avrò. La piattaforma dell’esercitazione 1 su PHET l’ho trovata davvero innovativa, non avevo mai avuto a che fare con ciò. Premetto che inizialmente ho avuto un po di difficoltà nell’approcciarmi a queste attività, ma dopo poco tempo è diventato tutto molto semplice ma soprattutto ho capito il vero senso di questi giochini. Per quanto riguarda la piattaforma “kahoot” la conoscevo già è a mio parere è davvero molto utile, sopratutto tra i bambini per creare quel clima di sfida positivo che non fa mai male!

  7. mariangela.golino

    Ho svolto l’esercitazione 2 ed è risultata semplice per la modalità a risposta multipla, ma ricca e corposa in quanto abbracciava molto contenuti. Alcune domande,nonostante la semplice indicazione della risposta con una crocetta, necessitavano di un ragionamento approfondito. Di fatto ho trovato difficoltà con le domande numero 4 e 7.

  8. Maria Rosa Castagna

    Quando ho svolto l’esercitazione ero convinta di aver risposto a bene alla maggior parte delle domande, quando poi sono andata a vedere le soluzioni con le spiegazioni ai perché di quelle risposte ho riscontrato alcuni errori. Un mio errore è stato il fatto di non aver letto più volte le domande e voler trovare subito la soluzione, quindi avendole interpretate male ho sbagliato anche nel trovare la soluzione. Il fatto di inserire le risposte con relativa spiegazione lo trovo molto utile e soprattutto formativo perché sprona a rifare l’esercizio per vedere se ci troviamo. Trovo molto utili questi quiz perchè aiutano molto a ragionare e magari se associati ai vari argomenti che si tratteranno durante il corso potrebbero essere utili per lo studio e la comprensione della fisica.

  9. Ritengo che il test dell’esercitazione 2 oltre che coinvolgente e divertente (grazie alla simpatica grafica), sia soprattutto funzionale ed efficace. Nel senso che per rispondere correttamente è necessario “attivare” in maniera critica le conoscenze precedentemente acquisite. E’ anche un modo non noioso per ripetere e mettere alla prova quanto imparato. Dal punto di vista didattico, la piattaforma Kahoot rappresenta senza dubbio uno strumento scolastico molto valido e versatile che potrebbe “sostituire” o quantomeno affiancare le così temute prove di verifica, dato che si tratta di un quiz didattico a tutti gli effetti, ma con un tocco di creatività.

  10. Ho trovato l’esercitazione 2 molto utile per verificare la comprensione degli argomenti affrontati. Molto utile il questionario con le risposte e le spiegazioni in quanto mi hanno permesso di capire perché la mia risposta era sbagliata facendo chiarezza su alcuni argomenti. Per quanto riguarda il test interattivo, l’ho fatto più volte poiché la prima volta la musica in sottofondo metteva un pò di agitazione non permettendomi di concentrarmi adeguatamente. La seconda volta, con assenza di volume, è stato molto efficace. A mio avviso, la piattaforma Kahoot potrebbe essere molto funzionale in un contesto scolastico, poiché “giocando” si può ripetere l’argomento trattato. Anche per i bambini può essere molto efficace, in quanto oltre ad essere molto utile è anche versatile e potrebbe rendere le “verifiche” più divertenti e semplici per l’alunno, in fondo è un quiz didattico a tutti gli effetti.

  11. Virginia Cecere

    Dal mio punto di vista, l’esercitazione n.2 è sembrata molto interattiva, tutte le risposte del primo test erano motivate da una spiegazione il che consentiva una maggiore comprensione delle domande in modo da poter elaborare una risposta più precisa e consapevole a differenza di un test quantitativo classico. Ritengo importante fornire varie dimostrazioni per poter risolvere i quesiti poiché si riceve maggiore stimolo nel ragionare e nel comprendere eventuali risposte sbagliate date. Il test interattivo non era disponibile e non ho avuto il piacere di rispondere alle domande. Penso inoltre che la piattaforma Kahoot sia molto stimolante poiché sollecita tutti a mettersi alla prova, imparando giocando e divertendosi, tra una domanda e l’altra mostra la classifica dei partecipanti che permette di attivare e ricreare immediatamente una sana competizione. È un’alternativa molto allettante e coinvolgente che consente di svolgere le classiche e noiose lezioni nonché le prove di verifica in modo diverso ed interattivo, aggiungendo l’elemento di divertimento e coinvolgendo in tal modo tutti. Molto interessante è stato osservare, grazie ai grafici di Excel, il dato effettivo dei contagiati in Italia da Covid-19 e la sua trasformazione nel tempo poiché raffigurato in forma riassuntiva. Mi sono effettivamente resa conto dell’evolversi del contagio poiché l’informazione quotidiana è legata a numeri in termini quantitativi poco esaustivi e molto spesso dichiarati senza avere sott’occhio il quadro della situazione. È fondamentale secondo me conoscere di volta in volta la condizione pregressa per comprendere effettivamente la gravità o meno della situazione in essere. A distanza di un anno il dato dei contagiati è sempre altalenante, il mio augurio è che in futuro possa azzerarsi e rimanere tale per sempre.

  12. Ho trovato molto utlile l’esrcitazione perchè mi ha permesso di andare a rivedere degli argomenti che non mi erano chiari. Grazie per l’idea che ci aiuta molto nello studio, cosi non è dispersivo e focalizziamo l’attenzione su ciò che ci sarà utile nella nostra professione.

  13. mariacarolina.mattera

    L’esercitazione proposta mi ha permesso di mettere in campo anche soluzioni differenti rispetto ad alcuni quesiti, facendo riferimento alle sperimentazioni condotte in didattica della matematica. Esercitazione riguardante diversi aspetti della fisica e della matematica, sempre interconnesse tra di loro. Sono stata in grado poi di ricondurre il 6° esercizio ad un esperimento effettuato in aula a gennaio, in una Quarta classe della primaria, in cui si cercava di capire la differenza tra calore e temperatura dei vari sistemi considerati.

  14. rosaria.demaio

    Ho trovato entrambe le esercitazioni molto valide perché in entrambe vi sono quesiti inerenti l’esperienza quotidiana, che viene così potenziata, rendendo anche i test più interessanti per chi li svolge. Dal mio punto di vista entrambe le esercitazioni hanno pro e contro, ma si completano a vicenda: dell’esercitazione n.1 prediligo il commento e la mancanza della musica e di un tempo prestabilito per rispondere, mentre dell’esercitazione n.2 ho apprezzato l’interattività, la competizione e l’anonimato.
    Inoltre in merito ai contenuti dei quesiti, questi riguardano tutti gli argomenti già affrontati durante il corso, consentendo sia una riflessione critica che metacognitiva.

  15. ilarj.tomaiuolo

    Gentile professore, avevo svolto questo test tempo fa e, pur non potendo accedere alla piattaforma interattiva, l’ho trovato molto utile, interessante e non troppo ostico. Ritengo che l’esercitazione permetta non solo di consolidare le conoscenze acquisite con lo studio della sua materia, ma anche e soprattutto di mettersi in gioco ed allenare la mente (non a caso alcune di queste domande mi sembra di averle trovate nei test d’ingresso delle università). Penso che questi argomenti siano i più piacevoli della Fisica- nonchè quelli sui quali ha insistito maggiormente a lezione-, perchè riguardano esperienze con le quali abbiamo a che fare nella vita quotidiana, solo che spesso non siamo in grado di tradurle in formule ed enunciati. Il mio quesito preferito? Quello sul volume dei cubetti. Il quesito che mi ha tratto in inganno? Quello sul fascio luminoso: a volte tendiamo ad imparare concetti difficili ma poi caschiamo di fronte a domande che implicano il ragionamento e che, una volta scoperto “l’inganno”, ci fanno esclamare: “Ma era così scontato”! La condivisione delle risposte corrette è ovviamente essenziale perchè il test non venga visto solo come un modo per competere con gli altri e con noi stessi, ma come una spinta a migliorarsi, a capire le nostre lacune, i nostri limiti: noto con dispiacere che, molto spesso, gli alunni si interessano esclusivamente al voto, senza preoccuparsi del perchè hanno sbagliato e anzi, ignorando di dover utilizzare l’errore come stimolo a fare meglio, a non dimenticare mai più. Insomma, il test qui presente offre un’occasione per consolidare la nostra metacognizione (la quale, a mio avviso, non si consolida mai del tutto). Ben venga, allora, questo invito a ragionare, a mettersi in gioco, a sperimentare, non solo a scuola, ma in ogni contesto, anche quello digitale delle Applet. E ben venga questa possibilità data non solo agli studenti, ma anche ai genitori, ai ragazzi, a tutta la società educante, di mettere alla prova le proprie conoscenze. Come si dice: “Non si finisce mai di imparare”! Grazie per il suo lavoro!

  16. carmen.ragosta

    Le esercitazione proposte sono molto utili ai fini dello studio della materia. Ho trovato interessante il test e le applicazioni utilizzate durante la lezione per comprendere gli argomenti trattati. Prima di consultare il test dell’esercitazione 2 già corretto ho preferito cimentarmi a rispondere ai diversi quesiti, in seguito ho consultato le correzioni che sono state molto utili ed esaustive per comprendere qualche errore commesso. Ho provato ad accedere anche al test interattivo ma non sono riuscita a partecipare. Durante le lezioni ci è stato proposto un test simile per verificare le nostre conoscenze in merito allo studio del fenomeno del galleggiamento. Trovo la funzione del gioco molto utile e stimolante sia per noi docenti in formazione sia per l’utilizzo in classe con bambini di diverse età.

  17. Michela_Amore

    Ho soffermato la mia attenzione sull’esercitazione n. 2 che ho trovato molto interessante, soprattutto perché successivamente ho potuto confrontare le risposte date con quelle riportate nel file dei commenti.
    Ciò mi ha permesso di capire dov’erano gli errori e perché la mia risposta era sbagliata e, soprattutto, mi ha dato l’occasione di rivedere gli argomenti studiati.

Lascia un commento